domenica 20 marzo 2011

Ravioli di melanzana e sugo di pomodori arrostiti ...ho voglia di primavera!

Un giorno libero e una cena con amici dopo troppo tempo di pioggia e solitudine casa-lavoro. Una buona scusa per una bella cura antidepressiva a modo mio: tutto il giorno a cucinare!
I ravioli mi diverto sempre a farli, ora con la piccola ancora di più: matterello maxi e mini, mastello grande e piccolo, stampino xlarge e xsmall... e farina dappertutto! 

 
Questi qui con le melanzane mi intrigano sempre perchè abbracceranno un bel sugo fresco e una buona dose di formaggio.
Il sugo invece è nato da un guasto: una volta ho dovuto cucinare il pomodoro senza fornello, e mi sono dovuto inventare questo calcio d'angolo, che con i giusti pomodori è veramente particolare e delicato.
I ravioli sono un'altra delle tipicità lunigianesi, con il ripieno di carne e il sugo alla bolognese, li mangerete in ogni ristorante e trattoria; questa ricetta è una proposta che vuole rivisitare la tipicità della pasta ripiena fondendola con il sapore della parmigiana di melanzane: due tradizioni fuse in una forma differente.

ingredienti per 4 persone:

LA PASTA:
250 gr di farina 0                       
250 gr di farina di semola
3-4 uova

IL RIPIENO:
4 melanzane
mezza cipolla tritata
olio evo
un bicchiere di vino bianco
250 gr di ricotta
parmigiano grattato
2 uova
sale e pepe

SUGO: 
500 gr di pomodori a grappolo
2 spicchi d'aglio
sale e peperoncino
olio evo
basilico o alloro

Procedimento:
1. su una spianatoia mettere le farine mescolate a fontana, le uova nel centro e iniziare ad impastare, se necessario aggiungere pochissima acqua; il risultato sarà un impasto ben liscio e omogeneo.
2. pelare le melanzane con lo spelucchino, tagliarle a cubetti e metterle in un tegame con l'olio e la cipolla, a fuoco medio; quando saranno rosolate, aggiungere il vino e sfumare, poi abbassare la fiamma e tenere in cottura fino a che sarà asciugata l'acqua di vegetazione; ci vorrà un mezz'oretta circa, e le melanzane saranno disfatte. Trasferire in uno scolapasta a raffreddare, poi in una terrina e aggiungere uova, ricotta e correggere di sale pepe; aggiungere parmigiano sino a che il composto avrà una buona consistenza. Trasferire il ripieno in una sac a poche.
Tirare la pasta in sfoglie sottili e con la sacca distribuire il ripieno, chiudere e tagliare i ravioli nella forma e grandezza che preferite: a me piacciono grandi, da tre a cinque per porzione.
3. lavare i pomodori e metterli interi in una placca con carta da forno, insieme con gli spicchi d'aglio interi e non sbucciati, appena un filo di olio ed infornare a 170° per un'ora circa: sino a che  la pelle avrà preso un bel colore bronzo; a cottura ultimata passarli con lo schiacciapatate, aggiungere la polpa dell'aglio arrostito, il basilico fresco tagliato sottile o l'alloro, un filo di olio evo e correggere di sale e peperoncino. Se volete potete usarlo così appena fatto o ripassarlo appena in padella (3 minuti basteranno).
Servizio: cuocere i ravioli in abbondante acqua salata, appena galleggiano scolarli e impiattarli, condirli col sugo e servire; i ravioli io non li salto in padella, prenderebbero un sapore di "riscaldato" che non mi piace.

con questa ricetta  partecipo alla raccolta di GialloZafferano "Buon compleanno signora Italia"

12 commenti:

  1. Uhm, immagino che sarà il gusto meraviglioso perchè la foto è bellissima e l'aroma ha arrivato qui ... ;))
    Ciao !
    Sill

    RispondiElimina
  2. Un piacere doppio: uno per il gustsoso piatto, due per la formidabile aiutante :)

    RispondiElimina
  3. Interessante il metodo di cottura del sugo. E' proprio vero che, in cucina spesso, senza volere, si creano sapori squisiti! Lo proverò! Bravo!
    Alla prossima.

    RispondiElimina
  4. Hai proprio ragione: cucinare è un'ottima cura antidepressiva! Se, poi, il risultato è questo ancora meglio!

    RispondiElimina
  5. bellissimo questo blog!!!
    sono felice di essere approdata qui.
    mi piace moltissimo anche questa ricetta!!!
    adoro le melanzane e le metterei in ogni piatto.
    buon inizio settimana ^_____^

    RispondiElimina
  6. @SILL: grazie!
    @.LAB: parliamone, la fotografa non è convinta
    @LETIZIANDO: si, veramente divertente!
    @ROSALBA: grazie, fammi sapere
    @FRAMM: peccato per la linea però, grazie!
    @PUPOTTINA: cucino ciò che vuoi, dimmi ciò che ami!

    RispondiElimina
  7. Ciao, sono qui per la prima volta (e adesso ti seguo). Mi piacciono questi ravioli, perfetti per me che sono vegetariana.

    Buona primavera allora, qui da noi in Nuova Zelanda invece siamo ufficialmente in autunno!

    ciao

    Alessandra

    RispondiElimina
  8. ciao matteo, scopro il tuo bel blog girando a caso nel web... mio papà è di pontremoli (dove torno appena posso!), il nonno di zeri e sono state proprio le mie zie lunigianesi a insegnarmi i primi passi in cucina. ti seguooooo!
    a presto

    RispondiElimina
  9. @ALESSANDRA: un saluto a un'italiana nel mondo, spero che la stagione invertita non ti impredisca di provare altre ricette, ciao
    @CRISTINA: un saluto a una lunigianese nel mondo, ora mi sento un pò sotto osservazione, si sa che noi siamo ultracritici quando si parla di cibo, ciao

    RispondiElimina
  10. Ciao Matteo! Superb ricetta! Il quadro è molto allettante e mi saliva prima del mio schermo! Prendo atto! Buon Mercoledì! Caroline B. (Canada)

    RispondiElimina
  11. @CAROLINE: grazie, a presto

    RispondiElimina